Libri e Scrittori in tempi di Covid-19: "incontriamo" Elio Valerio autore del fanta-romanzo LA QUARTA PORTA

LA QUARTA PORTA Nel pozzo del tempo un viaggio magico tra Palma e Venezia 

Incontriamo Elio Valerio in un caffè vintage del centro, bottiglie di Strega e di Galliano, macchie di giallo sugli scaffali di vetro azzurrino, una macchina per caffè espresso dorata dei primi del '900: un siluro d’ottone sormontato da un angelo stile Rolls Royce, con i cucchiai e la leva foderati di nera bachelite… Un caffè alla madame De Stael, magari, un Florian aperto su piazza San Marco, un Caffè degli Specchi affacciato su piazza Unità d’Italia, rigonfio di atmosfere e suggestioni letterarie…

Così ci sarebbe piaciuto che fosse, magari di fronte a una tazza di porcellana, a un caffè fresco di tostatura, ingentilito da un fiore di panna fresca...

Ma non è più quel tempo e quell’età. E i tempi che ci avvolgono oggi, oscuri, nebbiosi, non ci permettono questi lussi romantici d’antan, ante virtuali e ante #virali. Ci si deve accontentare della voce, cercando nelle sfumature dei toni, più che nelle parole secondo il senso di esse, quella fuga, quel salto fuori dal tempo che rappresenta così spesso l’anima nobile, l’essenza stessa di ogni produzione artistica, e letteraria.

«Il tempo, già. Bel muro, no? Soprattutto in questi tempi. Tempi d’amore al tempo del colera, perdòn, del #corona. #Virus. Ma il tema non è nuovo. Forse che da sempre scrittori e pintori non hanno cercato il salto, di scavalcare questo muro, che in realtà, io dico, non è più alto di 20 centimetri?

È quello che ho cercato di fare anch’io nel mio romanzo. La Quarta Porta in effetti non è altro che un salto, un salto fuori dagli schemi rigidi dei calendari, degli annuari. La storia si svolge a cavallo del '600, negli anni della fondazione di Palmanova, durante la prima costruzione della prodigiosa città fortezza della Serenissima. Ma il protagonista è un uomo del nostro tempo, del terzo millennio. Infilato attraverso un cunicolo spazio-temporale verso un universo parallelo. Catapultato in un mondo popolato da #dogi e provveditori, #streghe e #filosofi #eretici, voluttuose #amanti del diavolo e sinistri #medici della #peste. Nel 1600, appunto, nel fiorire più rigoglioso dell’#alchimia, di tutte le scienze esoteriche, delle fantasie più ardite sulla #Weltanschauung, sulla futura visione del mondo».

La Quarta Porta. Un romanzo storico, dunque?

Valerio indugia, sospira, sbuffa, forse: lo immaginiamo passandosi le mani nei capelli candidi e fini, frugando nella corta barba grigia, da sessantenne... ancora inquieto.

«Un romanzo storico, sì. Eppure no, tutta la storia nuota in un elemento fantastico, in un mare in cui nuotano personaggi paralleli, fuori dal tempo. Quegli stessi che alla fine si riconosceranno come membri e compagni solidali di un gruppo: il gruppo di tutti quelli che non appartengono a nessuna congregazione, a nessuna confraternita, a nessun gruppo. Liberi dalle catene del tempo e dello spazio. Romanzo storico dunque ma anche romanzo fantasy: di fanta storia, direi. Storia in cui reali e pregnanti sono piuttosto le emozioni, le paure, i desideri...»

Le emozioni, i desideri: Quali?

«Ma, quelle di sempre, i moti eterni dell’animo: l’amore, il dolore, l’invidia, l’orgoglio, la paura. Condite con la salsa più potente: lo spirito d’avventura, di ricerca. Di quel soffio che ci spinge a non vivere come bruti, ma per seguir virtude e conoscenza… Bah, ecco che, come sempre, mi lascio andare allo sproloquio esistenzial-filosofico, alla chiacchiera…

Meglio chiudere qui».

E lasciare – ci sembra di poter concludere – scoprire il resto ai lettori.

La telefonata è finita, la comunicazione interrotta. Resta nell’aria una voglia di conclusione, di epilogo. Ma forse il senso dell’opera, l’obiettivo dell’autore, è proprio questo: una spinta, uno stimolo a una definizione, a una visione che non può essere che individuale. 

Contatti e informazioni

L'Orto della Cultura
Via Rovaredo, 3/5
33037 Pasian di Prato - Udine
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Tel. 3284929750

 

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza i cookie.

Continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. Per saperne di piu'

Approvo

Metodi di pagamento

Bonifico   Contrassegno

JoomShaper